Inquadrami
Catalogue vocal
for: female voice and piano
detailed instrumentation: soprano or mezzo-soprano, piano
text by: traditional, Patrick Hahn
duration: 11'30"
first performance: 31.5.14, Trieste, Casa della Musica, Risuonanze, Akiko Kozato (voice), Adele D’Aronzo (piano)
publisher: Edizioni Suvini Zerboni
catalogue number: S. 14564 Z.
Score extracts
Introduction
Frontiera linguistica, frontiera stilistica, frontiera tra il vero e il falso: queste sono le linee guida di questa prima serie di canzoni popolari per voce e pianoforte, cui seguirà una seconda serie. Popolari nella duplice accezione di “pop”, come per il secondo brano, concepito a mo’ di canzone per un musical (quindi un falso apocrifo, tratto dalla mia opera Limbus-Limbo), e “folclorico” come nel caso del primo e del terzo brano, che rielaborano due veri e propri canti popolari delle regioni italiane di confine. Il primo è di area lucana e di tradizione arbëreshë (collocandosi quindi al confine con la lingua dell’antico albanese), il terzo è di area friulana e linguisticamente prossimo allo sloveno. Di entrambi viene conservata, in diversa misura, la melodia originale, affidata alla cantante, sostenuta da un accompagnamento pianistico che la rielabora in profondità collocandola nel contesto cosiddetto “colto” della musica contemporanea.
 
Stefano Gervasoni, 29.4.14
Text(s)
Çë m’pe ti zog sod
VALLJA
a due parti, una voce intona,
le altre si aggiungono all’unisono

(e) çë m’pe ti zog sod (e)
(e) çë pe ti pe dhe u (e)
(e) pe turkun me një vash (e) (e) vasha vej tue vajtuar
(e) turku vej tue knduar
(e) shkuan ka kroj vilanavet (e) (e) tue ngrën e tue pir (e)
(e) turkut i qilloj gjum (e)
(e) zglidhi brez e mesit saj (e) (e) lidhi këmb e duar turkut
(e) kur m’u zgjua turkthit (e) (e) t’klarazit çi bëri turku
(e) sa gjimuan malzit (e)
(e) lotzit çi bëri turku
(e) zun llavin prrenjzit (e)
(e) sa m’bluajn mullinjzit (e) 

***

Think it...

No looks
Body only
No lies
Just your breath
in my hair.

Listen with
your body –
the resilience
of / NO BRAKES /
booms in my mind.

Let it go,
everything,
take off your wig,
feel what I feel,
and if you cannot:
think it.

Can you hear the
melody that springs
from / my sentiment
My blood’s seething,
the tone is boiling over.

My cat’s purring
softly to this song.
It starts from below my feet –
that’s what it all comes down to –
feet, all in my feet.

No lies
Just your breath
in my hair.
Toning down the
belly of emotion.

***

Sdrindulaile
 
Sdrindulaile, Sdrindulaile che bambinute
che si torni,
che si torni a indurmindì.
Sdrindulaile,
Sdrindulaile che bambinute
che si torni,
che si torni a indurmindì.

Une volte, une volte tu eris biele
blanche e rosse,
blanche e rosse come un flór,
blanche e rosse,
e cumo tu ses patide
consumade,
consumade dal dolor.

Jè levade, jè levade le biele stele
son tre oris,
son tre oris devanti dì.
Sdrindulaile,
Sdrindulaile che bambinute
che si torni,
che si torni a indurmindì. 
go to mobile site
copyright 2013 - 2017 Stefano Gervasoni | credits Web-Press sas
Home Page
Next Events
News
Projects
...top